venerdì 12 febbraio 2016

Il dilemma morale della guerra fatta coi droni nel film drammatico GOOD KILL

Ambientato nel momento di picco della guerra fatta con i droni, Good Kill porta alla luce un problema tristemente attuale attraverso la storia personale, tratta da una storia vera, del Maggiore Tommy Egan (interpretato da Ethan Hawke), un pilota di caccia con una lunga esperienza sul campo in Afghanistan e Iraq. La precisione, l’attenzione ma anche la paura e l’adrenalina caratterizzano le giornate dell’uomo che, ad un certo punto, si trova costretto a rivoluzionare le sue abitudini. Dagli aerei e dai cieli oltreoceano, Tommy si troverà a lavorare a poca distanza dalla sua casa e dalla sua famiglia a Las Vegas, in un cubicolo comodo e accogliente, a pilotare droni d'assalto.

Good Kill, espressione nota tra i militari americani per indicare un bersaglio completamente annientato, rappresenta a tutto tondo il tormento dell’uomo causato da uno strumento che lo aliena dalla realtà, che procura in lui dilemmi di tipo etico e morale, che uccide a distanza, freddamente e senza nessun tipo di percezione.

Di seguito il trailer italiano della pellicola.



Sono inoltre disponibili tre clip italiane della pellicola, che trovate di seguito.

Nella prima il Colonnello Johns (Bruce Greenwood) spiega alle nuove reclute cosa sono e cosa fanno i droni da combattimento.



Nella seconda Tom Egan (Ethan Hawke) porta a termine la missione a lui assegnata con un "good kill!"



La terza clip mostra i ripensamenti di Tom, che vorrebbe tornare in prima linea a combattere.



Accanto a Ethan Hawke, nel cast anche Bruce Greenwood, January Jones, Zoë Kravitz e Jake Abel.

Good Kill, per la regia di Andrew Niccol (Gattaca, In Time), sarà nei nostri cinema dal 25 febbraio.

LE NOTIZIE PIU' LETTE DELL'ULTIMO MESE