martedì 31 maggio 2016

Gli ultimi mesi di vita di LEONARD NIMOY nelle toccanti parole del figlio

Poco dopo la morte di Leonard Nimoy (Spock), avvenuta il 27 febbraio del 2015, i suoi due figli hanno realizzato due docu-film sulla vita del padre. Il primo, voluto dalla figlia Julie e intitolato COPD Highly Illogical: A special tribute to Leonard Nimoy (BPCO: Altamente Illogico - Un tributo speciale a Leonard Nimoy), si incentra sulla malattia respiratoria che l'ha portato alla morte (la BroncopneumoPatia Cronica Ostruttiva), mettendo in guardia il pubblico dai drammatici effetti che comporta. Il secondo docu-film, creato da Adam Nimoy, si intitola For the Love of Spock ed è un vero e proprio tributo al padre attraverso interviste e testimonianze di amici e colleghi.

All'interno di quest'ultimo il figlio dell'attore si è ritagliato uno spazio per raccontare gli ultimi momenti della vita del genitore.

Ecco il video in cui Adam Nimoy parla di quei momenti e, di seguito, la traduzione di quanto detto.




"Mi fu chiaro, anche a livello emotivo, che fosse in condizioni molto gravi quando mi disse, probabilmente nel novembre del 2014, che non credeva che sarebbe stato ancora in circolazione per la primavera [del 2015], in tempo per fare un'apparizione nel nuovo film di Star Trek [Star Trek Beyond]. Francamente mi sconvolse. Me lo disse mentre eravamo a pranzo a casa sua."

"Poi ci trovammo a parlare di questo progetto, del documentario che volevo fare con lui. Avevo intenzione di iniziarci a lavorare per i primi di novembre del 2014, per arrivare in tempo al 50° anniversario della serie. Avevamo parlato assieme del progetto, della sua intervista e di chi intervistare, e avevo programmato di far arrivare le telecamere per gennaio del 2015 per riprendere la sua intervista. E lui mi disse: 'Perché tutta questa fretta, abbiamo tempo fino al 2016."
Io gli dissi che era stato lui a dirmi che non sarebbe arrivato a vedere la primavera, ma lui mi rispose: 'E' stata solo una brutta giornata. Sto bene. Va tutto bene. Abbiamo ancora un sacco di tempo.'"

"Quello che mi disse l'anno precedente fu profetico. Perché non è arrivato a vedere marzo."

"Il suo tracollo è stato davvero veloce, inarrestabile. Pensavamo che sarebbe rimasto a lungo a casa in quelle condizioni, fermo a letto, con un sacco di tempo per dirci addio, per parlare, per stare ancora assieme. Pensavamo che ci sarebbe stato un lungo declino delle sue condizioni di salute, ma non ci fu nulla di tutto questo.Un giorno o due dopo che tornò a casa dall'ospedale cadde in coma e non si riprese più. Due giorni dopo spirò."

"E' stato scioccante, veramente scioccante, ed è stato molto veloce."

A questo link potete trovare un approfondimento sul docu-film COPD: Highly Illogical - A Special Tribute to Leonard Nimoy e a questo link qualcosa di più su For the Love of Spock.

LE NOTIZIE PIU' LETTE DELL'ULTIMO MESE