lunedì 11 luglio 2016

GHOSTBUSTERS, ecco le prime recensioni della stampa americana

Ora che l'embargo americano sulle recensioni è caduto, riviste e siti si sono finalmente lasciati andare ai commenti sul film Ghostbusters, remake al femminile firmato Paul Feig del mito degli anni '80.

L'opinione generale non è così pessima come la critica preventiva dei detrattori del film sembrava presagire. E' opinione diffusa che il nuovo Ghostbusters, più che un valido remak, sia un buon film alla Paul Feig, uno di quelli dove la chimica tra i personaggi femminili la fa da padrona e la storia è solo un pretesto per mettere in risalto le capacità comiche delle attrici.

Ecco di seguito degli estratti da alcune recensioni finora apparse.

The Daily Beast
Sfortunatamente Ghostbusters cade in tutte le trappole della cinematografia del 21° secolo: stile altalenante, a prova di bambino, riprese movimentate e la sensazione generale che una versione migliore del film esista in un universo hollywoodiano migliore. Tuttavia con uno sviluppo scoppiettante e un eccesso di riverenza nei confronti dei loro predecessori, le quattro attrici portano a casa il loro compito, anche se servirà ancora un miracolo per convince gli hater ipercritici.
 
The Film Stage
Anche se non tutte le scene comiche o le scene d’azione funzionano, il cast principale ti conquista. I due autori, Feig e Katie Dippold, sono riusciti a creare un team che si vorrebbe continuare a vedere all'opera ad acchiappare fantasmi.

The Playlist
Una versione pigramente aggiornata di una formula già vista. I paragoni con l’originale sono inevitabili. E' un reboot, ma si percepisce l'assenza di quell'eccentricità che aveva reso l’originale così intrigante. Per lo più i personaggi seguono l'archetipo narrativo dei loro predecessori. Kristin Wiig è lo scettico Bill Murray ormai sull'orlo di non credere più nella sua professione, Melissa McCarthy è l'irrefrenabile Dan AykroydKate McKinnon è il nerd Harold Ramis e Leslie Jones fornisce il tocco "urbano" di Ernie Hudson.

The Hollywood Reporter
Per quanto il nuovo Ghostbusters segua le orme del film originale, il film non brilla e non ha verve. Manca di humor e tensione. E' tutto rumore e chaos senza emozioni con momenti comici veramente poco riusciti.

Variety
Più divertente e spaventoso dell’originale di Ivan Reitman del 1984, questo film non fa molto per innovare rispetto ai precedenti, e inserisce un gran numero di cameo che ostacolano l'alchimia tra le nuove protagoniste.
Per avere conferma o smentita delle opinioni dei critici americani dovremo aspettare il 28 luglio, data in cui arriverà in Italia il film.


LE NOTIZIE PIU' LETTE DELL'ULTIMO MESE