martedì 26 luglio 2016

STAR TREK: DISCOVERY, la nuova nave, il logo e la musica non sono definitivi

Dopo che il teaser trailer della nuova serie di Star Trek è stato divulgato durante il Comic-Con, molti appassionati della saga si sono lanciati in speculazioni di ogni genere sulla base del look della nuova nave stellare mostrata nel video.

E' opinione molto diffusa che la U.S.S. Discovery abbia elementi di design molto simili a quanto proposto dal designer Ralph McQuarrie per il restyle dell'Enterprise, nel mai realizzato film Star Trek: Planet of the Titans negli anni '70.




Interrogato in merito, lo showrunner della nuova serie Bryan Fuller si è espresso in maniera molto criptica:
"[L'influenza dei lavori di McQuarrie è] ad un livello che, legalmente, non possiamo commentare. Almeno finché non sistemiamo alcune cose."


E' indubbio che la somiglianza della nuova nave con quanto disegnato oltre quaranta anni fa stia dando da fare ai legali della CBS.

Un'altra preoccupazione del pubblico è stata la bassa qualità della grafica digitale del video. A tal proposito la produttrice esecutiva della serie Heather Kadin ha rivelato quanto segue:
"Sono rimasta sorpresa che Bryan [Fuller] non abbia detto che si trattava di un video non definitivo. Abbiamo avuto solo tre settimane per metterlo assieme. [La musica, il logo e] l'aspetto [del vascello] rispecchia l'idea della nave che stiamo perseguendo, ma tutto sarà affinato credo fino al giorno in cui debutteremo."

Riguardo alla composizione dell'equipaggio della nave, Kadin ha confermato che Discovery integrerà personaggi femminili, minoranze ed elementi della comunità LGBQT. Particolare attenzione verrà dato alla presenza nel cast di attori non-caucasici, in controtendenza alla maggior parte degli show televisivi.

Intervistato sulla missione che la U.S.S. Discovery dovrà affrontare, Rod Roddenberry, produttore della serie, ha così riferito:
"Non si tratterà solo di scoprire nuovi alieni e nuovi pianeti, ma anche di scoprire cose di noi stessi."
Potete trovare le interviste integrali a questo link.

LE NOTIZIE PIU' LETTE DELL'ULTIMO MESE