venerdì 26 agosto 2016

ANNA DAI CAPELLI ROSSI diventerà una miniserie televisiva per Netflix

Netflix si prepara a produrre una nuova serie televisiva, prendendo spunto da uno dei "miti" letterari e televisivi più noti: Anna dai capelli rossi.

Netflix e Northwood Entertainment hanno ingaggiato la showrunner Moira Walley-Beckett  (Breaking Bad) per la realizzazione della serie TV drammatica Anne, tratta dall'intramontabile romanzo Anna dei capelli rossi di Lucy Maud Montgomery. La serie, composta da otto episodi di un'ora ciascuno, verrà distribuita in streaming in tutto il mondo su Netflix e trasmessa in Canada da CBC nel 2017.
Niki Caro (La ragazza delle balene) sarà la regista del primo episodio della durata eccezionale di 2 ore.

Anne è una storia di formazione su una outsider che, contro ogni probabilità e diversi ostacoli, lotta per essere accettata nel mondo e ricevere affetto. L'eroina della serie è un'orfanella che, dopo un'infanzia piena di abusi trascorsa in orfanotrofi e case di sconosciuti, nel 1890 per errore viene mandata a vivere con una zitella attempata e suo fratello, anche lui non più giovane. Col tempo la tredicenne Anne trasformerà la loro vita, e in seguito quella del paese dove vivono, grazie al suo spirito, alla sua mente arguta e alla sua vivida immaginazione.

Sebbene la nuova serie seguirà le linee narrative di base del romanzo di origine, un fenomeno globale considerato un vero tesoro nazionale canadese, Anne esplorerà anche nuovi percorsi. Anne e gli altri personaggi intraprenderanno avventure che rifletteranno questioni senza tempo quali i temi dell'identità, del sessismo, del bullismo, del pregiudizio e della fiducia in se stessi con un taglio adulto. Dimentichiamoci dunque le atmosfere da Anime giapponese della versione cartoon del 1979 che, seppur spiccasse per il rispetto della trama e della psicologia dei personaggi con una trasposizione quasi letterale, era orientata a un pubblico molto giovane.

LE NOTIZIE PIU' LETTE DELL'ULTIMO MESE