giovedì 3 novembre 2016

IL GGG - IL GRANDE GIGANTE GENTILE anticipa la data d'uscita

Il GGG - Il Grande Gigante Gentile, arriverà in Italia il 30 dicembre, anticipando l'uscita di alcuni giorni.

Il GGG - Il Grande Gigante Gentile, diretto Steven Spielberg, su una sceneggiatura di Melissa Mathison (E.T.: L'Extra-Terrestre) e basato sul best-seller di Roald Dahl The BFG, ha come protagonisti Mark Rylance e la piccola Ruby Barnhill al suo esordio sul grande schermo.


Il GGG (Mark Rylance) è un gigante, un Grande Gigante Gentile, molto diverso dagli altri abitanti del Paese dei Giganti. Alto più di 7 metri, con enormi orecchie e un acuto senso dell'olfatto, è affettuosamente ingenuo e sta in disparte per la maggior parte del tempo. Giganti come San-Guinario (Bloodbottler - Bill Hader) e Inghiotticicciaviva (Fleshlumpeater - Jemaine Clement) d'altra parte, sono due volte più grandi, almeno due volte più spaventosi di lui, e sono noti per cibarsi di esseri umani, mentre il GGG preferisce Cetrionzoli e Sciroppio. Quando Sophie (Ruby Barnhill), una precoce bambina di 10 anni arriva da Londra nel Paese dei Giganti, ha inizialmente paura del misterioso gigante che l'ha portata nella sua caverna, ma ben presto si rende conto che il GGG è in realtà abbastanza dolce e amichevole. E lei, non avendo mai incontrato un gigante prima d’ora, ha molte domande da porgli. Il GGG porta Sophie nel Paese dei Sogni, dove cattura i sogni mandandoli di notte ai bambini e le insegna tutto sulla magia e il mistero dei sogni.
L’affetto tra il GGG e Sophie, che sono sempre stati soli al mondo, cresce rapidamente. Tuttavia la presenza della bambina nel Paese dei Giganti ha attirato l'attenzione indesiderata degli altri giganti, che sono diventati sempre più ostili.
Sophie e il GGG si recano poi a Londra per incontrare la Regina (Penelope Wilton) e avvertirla del rischio che i giganti rappresentano, ma devono prima convincere Sua Maestà e la sua cameriera, Mary (Rebecca Hall), che i giganti esistono realmente. Tutti insieme concepiranno un piano per sbarazzarsi dei giganti una volta per tutte.

Secondo il regista Il GGG è...
"... una storia sull’ amicizia, sulla lealtà e sulla capacità di proteggere i propri amici, ed è inoltre una storia che dimostra che anche una bambina piccola può aiutare un grande gigante a risolvere i suoi più grandi problemi."
"Penso che Roald Dahl fosse quel tipo di genio capace di dare potere ai bambini. È stato molto, molto coraggioso ad introdurre quella combinazione di tenebre e luce, in grado di far paura ma di offrire nello stesso tempo anche un riscatto e di insegnare una lezione, una lezione duratura per ognuno di noi. E’ una cosa straordinaria che Dahl ha fatto ed è una delle ragioni che mi ha spinto a voler dirigere un film da questo libro di Dahl."
Originariamente creato come una favola della buona notte, The BFG era il preferito di Dahl tra tutti i suoi racconti. Per Spielberg...
"... è stato molto importante per noi essere fedeli al suo linguaggio."

LE NOTIZIE PIU' LETTE DELL'ULTIMO MESE