venerdì 2 dicembre 2016

FEDERICO RUSSO al POLICLINICO GEMELLI, per la proiezione di COME DIVENTARE GRANDI NONOSTANTE I GENITORI nella sala MEDICINEMA

Per la prima volta un talent del cast ha introdotto la proiezione di un film per i pazienti di MediCinema all’interno del Policlinico Universitario Agostino Gemelli di Roma. Il primato spetta a Federico Russo che giovedì 1 dicembre ha presentato Come Diventare Grandi Nonostante i Genitori, commedia distribuita da Disney Italia nelle sale cinematografiche a partire dallo scorso 24 novembre. Il giovane e talentuoso attore, entrato nei cuori di adulti e ragazzi grazie all’amata serie TV Alex & Co., ha portato un saluto speciale a tutti i pazienti, parlando della sua esperienza in questa produzione italiana firmata da Luca Lucini. 
La proiezione di Come Diventare Grandi Nonostante i Genitori è l’ultimo degli eventi che si sono succeduti dall’inaugurazione della prima sala MediCinema in Italia, avvenuta nell’aprile 2016 presso il Gemelli con l’anteprima de Il Libro della Giungla di Jon Favreau. A settembre ha prontamente preso il via la “Terapia del Sollievo MediCinema” con una programmazione bisettimanale di grandi titoli per adulti e ragazzi come Alla Ricerca di Dory e l’intera collezione in Blu-Ray dei film Disney•Pixar, che The Walt Disney Company Italia ha messo a disposizione per la cura e l’intrattenimento dei pazienti e delle loro famiglie. La terapia del sollievo attraverso il cinema rappresenta il punto di partenza dello studio scientifico coordinato dal Prof. Celestino Pio Lombardi, del Policlinico Universitario Agostino Gemelli, che porterà a misurare gli effetti della ‘cinematerapia’ sui degenti, grandi e piccoli, in collaborazione con altri centri ospedalieri che insieme a MediCinema stanno contribuendo a questa stimolante esperienza.

La sala MediCinema al Policlinico Gemelli è il primo vero cinema integrato in una struttura ospedaliera in Italia, uno spazio destinato alla ‘cinematerapia’ e alla terapia del sollievo per i pazienti e i loro familiari, grazie alla magia del cinema portata all’interno dell’ospedale. La sala è in grado di accogliere anche pazienti non autosufficienti, a letto o in sedia a rotelle. Costruita tra l’8° e il 9° piano del complesso ospedaliero, può ospitare 130 persone tra pazienti, familiari, amici, volontari e personale di assistenza.

LE NOTIZIE PIU' LETTE DELL'ULTIMO MESE