venerdì 6 gennaio 2017

Il destino di LEIA ORGANA verrà deciso il 10 gennaio in una riunione della LUCASFILM con il regista di STAR WARS: EPISODIO IX

La morte dell'attrice Carrie Fisher, interprete dell'iconico personaggio della Principessa/Generale Leia Organa nella saga di Star Wars avrà delle ovvie ripercussioni sui prossimi lungometraggi della saga.

Sebbene la Disney abbia assicurato che tutte le riprese con l'attrice per l'ottavo film siano state effettuate, rimangono da definire gli eventuali reshoot del film e le riprese del nono capitolo che, a quanto pare, includevano un ruolo ancor più presente per il suo personaggio.

A quanto si è finora saputo il Generale Organa, apparso per pochi minuti in Il Risveglio della Forza, avrebbe ricoperto un ruolo sempre più determinante nei due capitoli successivi. E' ovvio pensare che, visto il decesso dell'attrice, tale rilevanza dovrà essere rivalutata.
La questione sarà ala vaglio delle alte sfere della Lucasfilm proprio il 10 gennaio, data in cui il regista di Episodio IX Colin Trevorrow è stato convocato a Los Angeles, proprio per discutere del futuro di Leia Organa.

A questo punto è lecito chiedersi quale sarà la strada che la Lucasfilm vorrà intraprendere. Una scelta abbastanza facile potrebbe essere quella di sfruttare al meglio quanto già girato per Episodio VIII, utilizzandolo per entrambi i film e integrando con aggiunte in CGI, ricreando il personaggio come è stato fatto con il Governatore Tarkin in Rogue One: A Star Wars Story.
Andrà inoltre discusso il destino del personaggio. Al momento non sappiamo se il Generale Organa, nella stesura originale della storia, era destinata a una morte sul campo o a un duraturo destino, certo è che tutto ora lascia presupporre un fato tragico, e possibilmente eroico, per omaggiare l'attrice. Anche se vedere la Principessa Leia come Presidente di una restaurata Repubblica non dispiacerebbe a molti.

LE NOTIZIE PIU' LETTE DELL'ULTIMO MESE