domenica 5 febbraio 2017

LEGO BATMAN - IL FILM, un cult-movie da non perdere. Ecco la recensione

Nato come spin-off del fortunatissimo The LEGO Movie, ecco che arriva sul grande schermo il film dedicato al supereroe più egomaniaco di sempre: LEGO Batman – Il Film. E subito si guadagna un'identità tutta sua che lo eleva a film stand-alone di tutto rispetto.

E' indubbio che il regista Chris McKay (ma anche tutta la compagine autorale) sia un grande appassionato dell’universo dedicato a Batman. Partendo dalle tante trasposizioni cinematografiche, passando per la versione televisiva (ormai un cult d'altri tempi), e arrivando all'originale mondo fumettistico, il film riesce a elevare ogni aspetto di "essere Batman" a livelli di divertentissima caricatura mai giunta prima.


A essere presi maggiormente di mira sono la serie televisiva degli anni sessanta con Adam West e i due più recenti film Batman V Superman e Suicide Squad. E proprio per questo motivo il film riesce a soddisfare gli spettatori più grandi almeno quanto i più piccoli.

La storia proposta sul grande schermo si dimostra sin dall'inizio molto solida e scritta con una particolare attenzione all'approfondimento dei personaggi. E contemporaneamente si rivela un ottimo pretesto per portare sul grande schermo una gran quantità di situazioni e battute divertenti, e una passerella di personaggi dell'universo del Vigilante di Gotham, arricchita da alcune ingombranti guest-star (qualcuno ha detto Sauron? Voldemort? King Kong?)


Tutto ha inizio con un'entrata in scena esplosiva, con Batman al meglio della sua esuberanza, che sconfigge ancora una volta i cattivi di sempre, capitanati dal perfido Joker. Ed è proprio il Joker il primo personaggio a stupire, qui rappresentato con una psicologia tutta sua e decisamente nuova. L'arci-nemico è infatti deciso, pur rimanendo il classico cattivo di sempre, a veder riconosciuta la sua figura di nemesi prediletta del mantellato nero.


E intanto scopriamo quanto Batman sia un personaggio pieno di sé, totalmente immodesto e ormai completamente assorbito dalla sua identità segreta, dimentico di cosa voglia dire essere Bruce Wayne e di come possa essere una vita in cui non ci sia solo lui a combattere il male.

La solitudine di Bruce Wayne è dipinta con ironia, lasciando che le scene potenzialmente forti (la morte dei genitori, ad esempio) siano solo immaginate dalle menti degli adulti, mentre gli spettatori più piccoli si godono il divertimento.


Il mondo solitario di Batman, però, inizia a vacillare quando sono proprio i cattivi ad ammutinarsi, a smettere di essere cattivi, e quando, mandato in pensione il Commissario Gordon, entra in scena la di lui figlia, Barbara Gordon, decisa a mettere in pista un lavoro di squadra tra le forze dell'ordine e il supereroe.
Ed è così che Batman inizia un viaggio introspettivo, messo in scena grazie all'ausilio delle figure del neo-adottato ed esuberante Dick Grayson/Robin e del maggiordomo Alfred. A piccoli passi il solito egocentrico eroe solitario, non amante del lavoro di squadra, desideroso di avere l’attenzione tutta per sé, intraprende la strada della collaborazione, riconoscendo alla fine l’importanza del lavoro di squadra.


Se eravate rimasti affascinati da The LEGO Movie, rimarrete letteralmente stupefatti da LEGO Batman - Il film. Il livello di dettaglio e perfezione raggiunto dalla resa grafica è incredibile. C’è una maniacale cura degli effetti speciali che, nel paradosso delle situazioni, risultano essere estremamente realistici e impressionanti. Si ha fin da subito l’impressione che il film sia stato costruito prestando il più possibile attenzione a tutti i dettagli. Ci si può illudere di assistere a un perfetto lavoro di stop-motion realizzato con i mattoncini LEGO e si stenta a credere che, in realtà, sia tutta opera di un potente motore CGI.

Grande menzione di pregio per il doppiaggio italiano. Claudio Santamaria (Batman), Alessandro Sperduti (Robin), Geppi Cucciari (Barbara Gordon) e Roberto Pedicini (Alfred) sono estremamente credibili. Perfino la cocina sarda (decisamente tenuta a freno) di Geppi Cucciari si integra perfettamente nella pellicola.
La scelta musicale adoperata nella composizione della colonna sonora non è indimenticabile, ma i più attenti ritroveranno molti riferimenti alle colonne sonore dei precedenti film di Batman, mentre è decisamente evidente il riferimento musicale alla serie televisiva degli anni '60. Le musiche originali, in particolar modo il brano finale, non sono così incisive come quelle di The LEGO Movie (quanti hanno ancora nelle orecchie Everything is Awesome?) ma sono comunque orecchiabili e divertenti.

LEGO Batman – Il Film è una sorpresa continua. Una pellicola divertente, ironica, capace di tenere il ritmo dall'inizio alla fine senza mai prendersi sul serio e riuscendo ad essere profonda e convincente al tempo stesso. Un lungometraggio d’animazione destinato a diventare un cult!

Da correre a prenotare l'edizione home-video!

Massimiliano Martini

Al cinema dal 9 febbraio.

LE NOTIZIE PIU' LETTE DELL'ULTIMO MESE