giovedì 16 febbraio 2017

Per soli due giorni al cinema la storia musicale di IGGY POP nel docufilm GIMME DANGER

Sarà  nelle sale italiane solo il 21 e 22 febbraio la storia di Iggy Pop e della band The Stooges, che col suo carattere provocatorio ha saputo cambiare l’immagine stessa del rock.

Si intitolerà Gimme Danger, il nuovo commovente docu-film di Jim Jarmusch, dedicato a una delle più grandi band rock’n’roll di tutti i tempi. Il film mostra gli anni della nascita di The Stooges, approfondendone gli aspetti musicali, culturali, politici e storici e narrando le avventure e disavventure di Iggy Pop, Ron Asheton, Scott Asheton e Dave Alexander (e poi di Steve Mackay al sassofono), le loro ispirazioni, la sfida commerciale rappresentata dalla loro musica, ma anche la straordinaria eredità che hanno lasciato alle band che sono venute dopo di loro.
Il film, che unisce spezzoni di cartoni animati d’epoca, interviste, immagini di repertorio e interviste realizzate appositamente, prende il titolo da un brano di Raw Power, l’ultimo album di The Stooges del 1973.

Ecco il trailer.



Protagonista assoluto è proprio lui, James Newell Osterberg, alias Iggy Pop, soprannominato l’Iguana. È lui che narra gli esordi alla batteria, suonata nella roulotte in cui è cresciuto, e poi i trascorsi nella band The Iguanas, il gruppo con cui ha suonato nella prima metà degli anni Sessanta fino al periodo di The Stooges, dal 1967 al 1974 (la reunion della band con una nuova formazione avverrà solo nel 2003). Una carriera anarchica fatta di successi e cadute che lo hanno consacrato assieme a The Stooges come punto di riferimento assoluto del punk americano.
Dalle sue parole emerge pian piano tutto ciò che ha fatto di The Stooges una band capace di cambiare l’immagine stessa del rock, del cinema, della moda, anche grazie al confronto con Velvet Underground, Nico, John Cale e incontri come quelli con Andy Warhol e naturalmente David Bowie.

LE NOTIZIE PIU' LETTE DELL'ULTIMO MESE