venerdì 31 marzo 2017

Intrighi di potere, ambizioni sfrenate, ricerca ossessiva della perfezione, a maggio al cinema il docufilm BOLSHOI BABYLON

Sarà nelle sale cinematografiche italiane esclusivamente il 2 e 3 maggio il documentario di Nick Read che si spinge dietro il sipario del tempio del balletto mondiale. Uno sguardo sincero e drammatico dietro le quinte della compagnia di danza più bella del mondo, tra intrighi e lotte politiche.
Di seguito il trailer del docufilm.




La storia dei Bolshoi degli ultimi anni ci è stata raccontata dai media internazionali, ma resta a tutt’oggi misteriosa e complessa. Il fatto più eclatante risale alla sera del 17 gennaio 2013, quando l'ex-primo ballerino nonché controverso direttore artistico della compagnia di ballo del Bolshoi, Sergei Filin, fu aggredito sulla porta di casa da un uomo mascherato che gli gettò sul volto dell'acido solforico. Filin riportò gravi ferite e rischiò di perdere la vista. In quei giorni le conseguenze dell’accaduto erano difficili da stabilire, ma l'arresto e l'accusa del ballerino solista del Bolshoi, Pavel Dmitrichenko, resero ben chiaro ciò che gli ambienti interni del Bolshoi sapevano già da tempo: la compagnia di ballo era divisa da scontri di personalità, giochi di potere e gelosie reciproche.


Per la prima volta nella sua storia il Teatro Bolshoi di Mosca ha consentito a una troupe cinematografica l'accesso totale e privo di censure al suo "dietro le quinte". Ne è nato un documentario che racconta dall’interno gli intrighi del teatro più famoso di tutta la Russia e la vita degli artisti a cui spetta il dovere, giorno dopo giorno, di mantenere intatto il suo antico prestigio.

LE NOTIZIE PIU' LETTE DELL'ULTIMO MESE